Gli allineatori invisibili sono dispositivi ortodontici costituiti da una serie di mascherine sequenziali in materiale plastico quasi trasparente, che ricoprono la superficie dentale.

La fondamentale differenza tra gli allineatori invisibili e l’apparecchio tradizionale consiste nella pianificazione del trattamento. Il dispositivo ortodontico tradizionale, infatti, ha la possibilità di essere periodicamente modificato nei vari appuntamenti di controllo, potendo essere adattato e attivato anche in maniera differenziale in base agli spostamenti dentali che sono avvenuti tra i vari controlli.

Nei trattamenti con allineatori trasparenti, la programmazione e la progettazione dei movimenti dentari viene eseguita digitalmente dall’Ortodontista prima dell’inizio del trattamento attivo.

In base alla programmazione, segue la produzione di un numero di mascherine, individualizzate sulla forma delle arcate del paziente, sufficiente al raggiungimento degli obiettivi del trattamento. Le mascherine vengono, infatti, periodicamente sostituite durante l’intero arco della terapia per raggiungere il corretto allineamento finale.

Questa differenza fondamentale fa sì che il margine di adattamento durante l’arco del trattamento da parte dell’ortodontista sia minimo e porta a due conseguenti necessità:

  1. Corretta collaborazione durante l’arco di tutto il trattamento.
    Si ricorda sempre al paziente che, affinché gli allineatori invisibili svolgano un lavoro efficace, vanno utilizzati 22 – 23 ore al giorno. Gli allineatori, come ad esempio “Invisalign” vanno, infatti, considerati a tutti gli effetti come degli apparecchi ortodontici “fissi rimovibili”. La mancanza di una buona collaborazione da parte del paziente durante il trattamento potrebbe, infatti, non consentire il completo raggiungimento degli obiettivi prefissati dalla sequenza iniziale di allineatori e allungare i tempi di trattamento.
  2. Necessita, nella maggior parte dei trattamenti, di una seconda e breve fase di trattamento definita “rifinitura”.
    Anche nel caso di buona collaborazione del paziente durante tutto il trattamento, è infatti impossibile prevedere completamente la risposta biologica dentale allo spostamento promosso dal dispositivo ortodontico. Pertanto, alla fine della fase principale di trattamento, sarà necessario eseguire una nuova documentazione con impronte delle arcate dentarie, per programmare una seconda sequenza di allineatori per correggere le problematiche residue e le differenze di posizione dentale rispetto alla programmazione iniziale.

Per migliorare e accelerare i movimenti dentali spesso si incollano sui denti i cosiddetti “attachments”. Si tratta di piccoli “appigli”, realizzati in composito trasparente (lo stesso materiale delle otturazioni dentali), che consentono agli allineatori invisibili di spostare al meglio i singoli elementi dentari.

Il vantaggio degli allineatori trasparenti, oltre alla ridotta visibilità, è dato dalla possibilità di poterli rimuovere prima dei pasti e dalla semplicità nella pulizia dentale giornaliera.
Il Centro di Ortodonzia Bavaresco 3.0 si avvale per questo tipo di dispositivi del supporto di diverse aziende e laboratori (come Invisalign e Dental Stealth).

Stai cercando uno studio ortodontico che applichi gli allineatori invisibili Invisalign a Padova?
Compila il form per fissare il tuo appuntamento con noi!